Visualizzazione di 3 risultati

Eleva

Eleva sorge nel cuore della Valpolicella, estendendosi su sei ettari, con vigne e ulivi disposti su quattordici terrazze sostenute da muretti in pietra. È qui che Franca Maculan, laureata in economia e co-fondatrice dell’associazione nazionale Le Donne del Vino, si innamorò perdutamente, decidendo di acquistare la tenuta nel 1989. Quando Franca scopri di essere gravemente malata lasciò la proprietà a un ente benefico con a capo Raffaella Veroli, che coinvolse nel progetto Davide Gaeta, già suo professore all’università. Raffaella e Davide presero a cuore il compito di realizzare il sogno di Franca, e così Eleva divenne una realtà dedicata alla produzione di vini e olio, seguendo la visione della fondatrice e mantenendo vivo il suo spirito di autonomia ed eccellenza. Le vigne di Eleva, incorniciate dal bosco e digradanti verso la pianura, sono coltivate secondo i principi dell’agricoltura biologica, su suoli prevalentemente limosi-argillosi, ricchi di detriti di marne e calcari, perfetti per la viticoltura.
Perchè “Eleva”?
Perchè fin da subito si è voluto dare un’idea di questa realtà: Eleva è un’azienda che si trova in una posizione “alta”, in collina, a quasi 300 m/slm.
Inoltre, “elevare” è un termine che in enologia significa affinare, in particolare in legno; una pratica che viene applicata in genere ai vini di maggior pregio, quali appunto sono per l’azienda l’Amarone della Valpolicella e il Valpolicella Ripasso. Come il nome della cantina, anche tutti i vini hanno un loro nome evocativo…